Ente Datoriale per la Formazione sulla Sicurezza sul Lavoro

Nessuna quota d'iscrizione

L'iscrizione al portale è totalmente gratuita.

Materiale didattico on-line

Materiale, servizi, dispense il tutto a portata di click e in continuo aggiornamento.

Supporto istituzionale del Sindacato

Attestati validi su tutto il territorio

Gli attestati rilasciati da EDAFOS sono validi su tutto il territorio nazionale.




Sicurezza e salute sui luoghi di lavoro?

Edafos, la garanzia di un corso valido.

E.da.fo.s. è un’associazione datoriale di aziende e professionisti operanti nel campo della formazione ed in particolare nelle materie riguardanti la salvaguardia della sicurezza e della salute sui luoghi di lavoro.


Corsi HACCP On line

Edafos, mette a disposizione una piattaforma on line per il rilascio di attestati HACCPP.

Scopri come ottenere un account per accedere ai nostri cordi in FAD





Iscrizione MISE - legge 04/2013

29/10/2020

Siamo lieti di comunicare a gentili Associati/RDP che a partire dalla data odierna EDAFOS - Ente Datoriale...

RICHIESTA INVITI DIGITALI FIERA AMBIENTE LAVORO 15/17 OTTOBRE

18/09/2019

Si comunica che sono disponibili gli inviti clientela digitale validi per l'ingresso in fiera, visitare...

Nuovo Documento reportistica di classe

16/09/2019

Buonasera, con la presente si comunica che è disponibile il nuovo servizio di reportistica generale...

Leggi altri articoli

Sospensione attività formative dal 5/03/2020 al 15/03/2020

05/03/2020

Come da Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 4-3-2020, sono sospese le attività didattiche...

LAVORATORI STRANIERI: L’IMPORTANZA DI UN “TEST” D’ITALIANO

21/05/2018

LO PRESCRIVE LA LEGGE, E LO DICE IL BUON SENSO: IN SEDE DI ASSUNZIONE DI LAVORATORI STRANIERI, PRIMA...

PRIVACY: Che cos’è il GDPR 2016/679?

23/04/2018

Dal 25 maggio 2018 sarà applicato il GDPR, acronimo di General Data Protection Regulation, ossia il...

Leggi altri articoli

I CORSI

Alcuni dei corsi che offriamo, quì l'elenco completo.

Ai sensi dell`art. 37, 71, 73 comma 4, 77 commi 4 e 5 e 136 comma 7 del D. Lgs. 81/2008 correttivo D.Lgs106/2009


PROGRAMMA DEL CORSO:

Parte teorica e tecnica (8 ORE): • Presentazione del corso con normative e linee guida con riferimento anche ai lavori in quota ed all’uso delle necessarie attrezzature D.P.I. (D.Lgs 81/2008) e responsabilità dell’operatore • conoscenza base della PLAC monocolonna e bicolonna , componenti strutturali, dispositivi di comando, individuazione delle informazioni (manuale, valutazione dei rischi), i doveri e le responsabilità dell’utilizzatore di piattaforme, • Regole per la conduzione in sicurezza delle piattaforme • I rischi che si corrono e i potenziali pericoli che ne derivano da uso improprio. 

Test di verifica apprendimento ( intermedio)  

Parte pratica (8 ORE):  • Conduzione e manovra del PLAC monocolonna o bicolonna • Individuazione dei dispositivi di comando e di sicurezza • Controlli pre – utilizzo e posizionamento della PLAC sul luogo di lavoro • Esercitazioni pratiche ed operative con manovre di emergenza • Messa a riposo della PLAC a fine lavoro • Prove pratiche di addestramento con posizionamento con montaggio, smontaggio, posizionamento e installazione della macchina.

PROVA PRATICA DI VERIFICA FINALE
LONG LIFE LEARNING: Corso valido ai fini dell'aggiornamento come RSPP/ASPP ai sensi dell'Accordo Stato-Regioni 07 Luglio 2016 In applicazione dell’art. 32, n. 81 e viene erogato in conformità dell’Accordo stato regioni del 07.07.2016
Modulo 1 Comunicare sicurezza seguendo i principi della PNL:
· Il coaching· La PNL· La comunicazione efficace· La comunicazione empatica
Modulo 2 Influenzare il comportamento sicuro altrui attraverso obiettivi, leadership e carisma:
· Consapevolezza e responsabilità· I bisogni dell’esser umano· I livelli neurologici e i valori· L’importanza di avere degli obiettivi· Le convinzioni e i comportamenti· La leadership e il carisma
Prova di verifica finale di apprendimento
Aggiornamento periodico ai sensi dell'art. 34 del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i.
Contenuti, tempi e modalità  della formazione di cui all' Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011

  ARGOMENTI DEL CORSO:

MODULO GIURIDICO:LA NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO
MODULO GESTIONALE: LA GESTIONE E L'ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA
MODULO TECNICO: L' INDIVIDUAZIONE E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI.
MODULO RELAZIONALE: FORMAZIONE E CONSULTAZIONE DEI LAVORATORI.

COLLOQUIO DI VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO.
Valido come aggiornamento per Dirigenti e Preposti ai sensi dell’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011

PROGRAMMA:

- Principali disposizioni legislative e normative relative alla manutenzione delle Cabine Elettriche MT/MT e MT/BT con particolare riferimento alla Norma CEI 78-17 “Manutenzione delle Cabine Elettriche MT/MT e MT/BT dei clienti/utenti finali” ed alla Norma CEI 11-27 “Lavori su impianti elettrici”.- Profilo professionale del Responsabile e degli Addetti alla manutenzione.- Appalto ed esecuzione degli interventi di manutenzione.- Documentazione per gli interventi manutentivi.- Compilazione delle schede di manutenzione e rintracciabilità.- Cabine Elettriche: caratteristiche costruttive dei locali, impianto elettrico.- Dispositivi di protezione: tipologie e caratteristiche elettriche, coordinamento con dispositivi dei distributori di energia elettrica.- Obblighi di denuncia e smaltimento delle sostanze pericolose presenti nelle apparecchiature elettriche.- L’esecuzione delle manovre elettriche per la messa fuori tensione e in sicurezza (messa a terra e in cortocircuito, Terre di Lavoro) nelle Cabine Elettriche. - Esempi di attività di manutenzione: trasformatore isolato in resina, trasformatore isolato in olio, interruttori MT, interruttori di manovra sezionatori.

- Come proporre e predisporre un contratto di manutenzione delle cabine elettriche.- Richieste dell’ente elettrico fornitore al Cliente Finale: comunicazione del nominativo del personale avente ruolo di Responsabile Impianto e di Persona Esperta (ai sensi della norma CEI EN 50110-1) deputato a mantenere i rapporti che riguardano l’esercizio tra l’Ente Elettrico fornitore e il Cliente e per gli eventuali interventi di messa in sicurezza dell’impianto preliminari all’effettuazione dei lavori da parte dell’Ente fornitore sulla sezione ricevitrice del Cliente.- La verifica dell’idoneità tecnico professionale dell’appaltatore (art. 26 del D.Lgs. 81/08).- Possibilità di delega, da parte del Committente, del ruolo di Responsabile della Manutenzione delle Cabine Elettricheall’appaltatore.- Requisiti dei contratti di manutenzione previsti dalla norma UNI EN 13269 “Manutenzione - Linee guida per la preparazione dei contratti di manutenzione”.- Esempio di contratto per la manutenzione delle cabine elettriche.- Pianificazione della manutenzione elettrica.
Artt. 37 e 73 del D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Contenuti, tempi e modalità  della formazione di cui all' Accordo Stato-Regioni del 22/02/2012

PROGRAMMA DEL CORSO
MODULO PRATICO : Esercitazioni pratiche operative
Illustrazione, seguendo le istruzioni di uso del carrello, dei vari componenti dei carrelli. 
Manutenzione e verifiche giornaliere e periodiche di legge e secondo quanto indicato nelle istruzioni di uso del carrello. 
Guida del carrello su percorso di prova per evidenziare le corrette manovre a vuoto e a carico.(corretta posizione sul carrello, presa del carico, trasporto nelle varie situazioni, sosta del carrello, ecc.)



LONG LIFE LEARNING: Corso valido ai fini dell'aggiornamento come RSPP/ASPP e coordinatore per la sicurezza CSE/CSP ai sensi dell'Accordo Stato-Regioni 07 Luglio 2016. Art. 136, commi 6, 7 e 8 - allegati XXI e XXII del D. Lgs. 81/2008.


PROGRAMMA DEL CORSO:
Gli ambienti confinati: come riconoscerli, i rischi connessi, la formazione obbligatoria dei lavoratori e la scelta dei DPI.Il rischio chimico: i nuovi pittogrammi e le fasi di rischio e pericolo ai sensi del CLP/2008. 
La valutazione del rischio chimico nei cantieri temporanei e mobili.


MODULO NORMATIVO (4 ore): 

La Direttiva Comunitaria ATEX 2014/34/UE ed il DPR 14 settembre 2011, n. 177. - Manuale illustrato per lavori in ambienti sospetti di inquinamento o confinati ai sensi dell'art. 3 comma 3 del dpr 177/2011.La classificazione delle aree con rischio esplosione: norme tecniche armonizzate relative ai settori specifici, tra le quali:
- CEI EN 60079-10-1 (CEI 31-87) - Atmosfere esplosive ' Classificazione dei luoghi. Atmosfere esplosive per la presenza di gas
- CEI EN 60079-10-2 (CEI 31-88)  - Atmosfere esplosive - Classificazione dei luoghi. Atmosfere esplosive per la presenza di polveri combustibili.

Norme tecniche e casi studio applicativi.

MODULO TEORICO ( 4 ORE ) : 

Conoscere il contesto normativo e le buone pratiche. Il committente e l' impresa esecutrice: conoscere i ruoli, le responsabilita' ed i relativi obblighi. Riconoscere gli ambienti sospetti di inquinamento o confinati. Conoscere e saper individuare i fattori di rischio. Conoscere, saper individuare ed elaborare le misure di prevenzione e protezione specifiche. Conoscere le specifiche strumentazioni, attrezzature e d.p.i. da utilizzare negli ambienti sospetti di inquinamento o confinati. Procedure di sicurezza e procedure di soccorso.