0828 18 18 703

logo

Area > Servizi Alla Persona

Corso OPI
Operatore Dell'Infanzia

Corso OPI
Operatore Dell'Infanzia

Il corso professionale di designer del gioiello che ti insegna ad effettuare l’analisi delle tendenze di moda e di stile del mercato del gioiello, progettare gioielli e collezioni orafe e realizzare i modelli dei manufatti di gioielleria.

Dettagli A Pagamento GOL
Prezzo 700€ Gratuito
Durata 300 ore 300 ore
Dove Battipaglia Battipaglia
Modalità di Frequenza In Aula In Aula
Attestato Qualifica Qualifica
Livello Qualifica EQF 4 EQF 4

Informazioni Generali sul Corso OPI

Corso OPI: Operatore dell'Infanzia

Il corso OPI è fondamentale per coloro che aspirano a diventare Operatori dell’infanzia. Questa figura professionale ha il compito di occuparsi dell’accudimento e animazione dedicata ai bambini e alle loro famiglie. Gli operatori possono trovare impiego in strutture residenziali e semiresidenziali, come comunità per minori, soggiorni-vacanza e reparti ospedalieri. Inoltre, sono coinvolti in servizi e interventi socio-educativi rivolti all’infanzia e alla famiglia, quali servizi educativi e ricreativi territoriali per il tempo libero, centri di aggregazione e animazione estiva. L’Operatore dell’infanzia non solo offre sostegno alla genitorialità attraverso interventi nelle scuole, servizi e direttamente sul territorio, ma collabora anche nella progettazione e realizzazione di iniziative culturali, ricreative ed espressive. Queste iniziative, spesso in collaborazione con l’educatore, sono finalizzate alla socializzazione, all’incremento delle capacità creative e relazionali e allo sviluppo delle potenzialità di crescita del bambino.

Corso OPI online: si può fare?

Certamente, il corso OPI online  è una realtà consolidata che consente di formare una figura altamente qualificata dell’Operatore dell’Infanzia. Questa formazione, riconosciuta dalla Regione Campania e di livello EQF 4, si svolge interamente in modalità online e non è limitata solo ai residenti della Regione Campania. Il corso prevede una combinazione di FAD (Formazione a Distanza), DAD (Didattica a Distanza), e laboratori, per un totale di 300 ore. Mentre l’intero percorso formativo si svolge online, tramite piattaforma MEET, è importante notare che l’esame finale, a seguito delle recenti disposizioni, dovrebbe essere svolto in presenza in Regione Campania. Tuttavia, abbiamo la possibilità di richiedere alla Regione di svolgere l’esame in modalità online. Il corso OPI è progettato per essere accessibile da tutti i dispositivi, inclusi pc, smartphone e tablet. Una volta iscritti, gli studenti vengono aggiunti a un gruppo WhatsApp per ricevere tutte le informazioni necessarie e assistenza durante l’intera durata del corso.

Opportunità Lavorative e Sbocchi Professionali

Corso OPI: Durata

Il nostro  corso OPI è un percorso di formazione riconosciuto, disponibile sia online che presso la nostra scuola a Battipaglia. Indipendentemente dalla modalità scelta, la durata totale del corso è sempre di 300 ore.

Il corso OPI è riconosciuto dal MIUR?

Se sei qui, molto probabilmente hai cercato su google “corso opi miur” oppure “corso opi punteggio collaboratore scolastico“. Sì, il corso OPI è effettivamente riconosciuto dal MIUR. In particolare, permette di ottenere un punto (1 punto) aggiuntivo nelle graduatorie ATA, risultando fondamentale per chi punta al ruolo di collaboratore scolastico. Dunque, non solo garantisce una formazione di alta qualità, ma rappresenta anche una reale opportunità per avanzare nelle graduatorie del settore educativo.

Sbocchi lavorativi del Corso OPI: dove si può lavorare?

Dopo aver completato il corso OPI, gli sbocchi lavorativi sono numerosi e diversificati, permettendo a chi ha conseguito la qualifica di inserirsi in vari contesti dedicati all’infanzia. Si può lavorare in asili nido, scuole dell’infanzia, comunità per minori, soggiorni-vacanza, reparti ospedalieri e molte altre strutture dedicate all’accoglienza e allo sviluppo dei bambini. Tra gli ambienti più frequenti in cui un Operatore per l’Infanzia può trovare impiego ci sono anche ludoteche, villaggi vacanze, navi da crociera, e cooperative di servizi per l’infanzia. A seconda del ruolo specifico, l’OPI potrà collaborare con vari professionisti, come educatori, insegnanti di sostegno, assistenti sociali e specialisti in laboratori artistici e musicali. L’ampia gamma di opportunità lavorative sottolinea l’importanza e la crescente richiesta di questa figura professionale nel mercato del lavoro attuale.

Il Corso OPI vale come punteggio ATA?

Risposta breve: Se il corso OPI rispetta i requisiti del D. lgs 13/2013 ed è inserito nel Repertorio Nazionale, allora vale come punteggio per le graduatorie ATA.

L’apprendimento continuo è ritenuto essenziale per la realizzazione professionale e sociale degli individui, sia a livello europeo che nazionale. Questo ha portato alla necessità di istituire un sistema per il riconoscimento e la certificazione delle competenze, in modo che le persone possano valorizzare le proprie abilità nel mercato del lavoro. La legge n. 92/2012, nota come “Legge Fornero”, ha gettato le basi per un sistema nazionale di certificazione delle competenze. Questa è stata successivamente attuata con il D. lgs n. 13/2013, che stabilisce gli standard di certificazione e istituisce un repertorio nazionale dei titoli di istruzione, formazione e qualificazioni professionali.

Tale normativa viene specificamente citata nel D.M. n. 50 del 3 marzo 2021, che tratta delle graduatorie per il personale ATA, e riconosce le qualificazioni ottenute dalle Regioni e inserite nel repertorio nazionale stabilito dal D. lgs n. 13/2013.

Pertanto, tutte le qualificazioni rilasciate dalle Regioni secondo il D. lgs 13/2013 e incluse nel Repertorio Nazionale sono riconosciute per l’attribuzione di punti nelle graduatorie per il personale ATA.

Corsi e Opzioni di Finanziamento

Corso OPI Gratuito

Stai cercando “corso OPI regione Campania gratuito“? Sei nel posto giusto! La nostra scuola offre diverse opzioni per soddisfare le esigenze di tutti. Oltre al percorso a pagamento, aperto a chiunque desideri arricchire le proprie competenze, mettiamo a disposizione un corso OPI completamente gratuito, finanziato dalla Regione Campania nell’ambito del programma GOL.

Se ti stai chiedendo se hai i requisiti per accedere al corso gratuito, così come a tutti gli altri corsi finanziati attraverso il programma GOL, ti invitiamo a visitare la pagina dedicata (clicca qui) sul nostro sito web. In alternativa, puoi contattarci direttamente e parlare con il nostro team: offriamo una consulenza gratuita per guidarti nella scelta del percorso formativo più adatto alle tue esigenze.

Corso OPI a pagamento: quanto costa?

Ti stai chiedendo il “corso OPI quanto costa?” Il costo del nostro corso OPI è di 700,00€. Sappiamo che a volte può essere impegnativo affrontare un pagamento unico, per questo offriamo la soluzione Pagolight: puoi suddividere l’importo in 12 rate, senza la necessità di presentare una busta paga. Ci teniamo a rendere la formazione accessibile a tutti, proponendo soluzioni flessibili per ogni esigenza.

Corso OPI Salerno: la sede del corso

Le lezioni del nostro Corso OPI si tengono presso la nostra scuola a Battipaglia

Sei alla ricerca di un corso OPI nella zona di Salerno e dintorni? La nostra Scuola, situata a Battipaglia, in Viale Giacomo Brodolini, rappresenta la scelta ideale. Facilmente accessibile, distiamo solo 20 minuti in auto dal cuore di Salerno e altrettanti a piedi dalla stazione centrale di Battipaglia. Troverai la nostra sede all’interno del centro commerciale “Il Castelluccio”, che vanta un ampio parcheggio gratuito. Per le tue esigenze quotidiane, il supermercato “Eurospin” e diverse opzioni di ristorazione sono a pochi passi da noi. Pensando al comfort dei nostri corsisti, offriamo una sala ristoro dotata di distributore automatico di snack e bevande, spogliatoi con docce e, per chi proviene da zone più lontane, abbiamo stipulato convenzioni con alberghi nelle vicinanze. Puoi visitare la nostra pagina su Google Maps per scoprire dove siamo (clicca qui).

Attestato, Certificazione o Qualifica OPI?

Facciamo chiarezza: è una qualifica professionale

L’attestato di frequenza non è riconosciuto nel mondo del lavoro, la qualifica invece è riconosciuta perchè ha valore di legge. Pertanto in questo caso, al termine del corso OPI, superato l’esame finale ottieni una vera e propria qualifica professionale di livello EQF 4 di operatore dell’infanzia (non “per l’infanzia” come molti indicano erroneamente). Puoi verificare tu stesso visitando il sito della Regione Campania, o meglio il repertorio Regionale dei Titoli e delle Qualificazioni (a questo link) e cercare la scheda del corso per scoprirne tutti i riferimenti ufficiali a cui il nostro corso opi fa riferimento.

Cos'è l'EQF?

L’EQF, acronimo di European Qualifications Framework (in italiano: Quadro Europeo delle Qualifiche), è un sistema di riferimento comune che mira a collegare e comparare i sistemi di qualifiche nazionali di diversi paesi europei, agevolando così la mobilità dei lavoratori e degli studenti all’interno dell’Unione Europea. L’EQF fornisce una struttura di riferimento trasversale di 8 livelli, basata su risultati di apprendimento, che coprono l’intero spettro delle qualifiche, dalla formazione di base alla formazione avanzata post-universitaria.

Questo strumento ha l’obiettivo di aiutare le persone a comprendere e comparare le qualifiche rilasciate nei diversi paesi, facilitando in questo modo la mobilità professionale e l’apprendimento permanente. Ogni livello dell’EQF è definito in termini di conoscenze, abilità e competenze che un individuo dovrebbe possedere.

Gli argomenti del corso opi

Unità di competenza n. 1: Promuovere il benessere psicologico e relazionale del bambino

Abilità

  • Impostare l’adeguata relazione socio-educativa, adottando comportamenti in sintonia con i bisogni psicologici e relazionali del bambino, compreso il sostegno affettivo ed emotivo.

  • Sostenere lo sviluppo delle potenzialità di crescita del bambino, delle capacità creative e relazionali, al fine di promuoverne i percorsi di autonomia.

  • Stimolare le capacità espressive e psico-motorie del bambino attraverso attività ludico-ricreative e favorendo lo sviluppo delle abilità inespresse.

  • Adottare comportamenti idonei alla prevenzione/riduzione del rischio professionale, ambientale e dei bambini.

  • Assicurare l’adeguatezza, la funzionalità e la idoneità degli ambienti di accoglienza del bambino per favorirne lo sviluppo psico-fisico.

Conoscenze

  • Tecniche di primo soccorso.
  • Elementi di etica professionale.
  • Elementi di dinamiche di gruppo.
  • Elementi di educazione alla salute.
  • Sistema dei servizi per l’infanzia.
  • Diritti del bambino riconosciuti in ambito costituzionale e in contesto internazionale.
  • Psicologia relazionale e dell’età evolutiva.
  • Elementi di pedagogia generale e sociale.
  • Tecniche e metodi per l’analisi dei bisogni.

Unità di competenza n. 2: Collaborare alla progettazione, organizzazione e realizzazione di percorsi idonei a sviluppare la capacità creativa e relazionale dei bambini

Abilità

  • Collaborare alla strutturazione degli spazi e dei tempi di gioco.
  • Supportare gli educatori nella preparazione dei materiali pedagogico-educativi e di gioco.
  • Applicare tecniche di animazione e gioco per bambini.
  • Supportare gli esperti nella progettazione e realizzazione di laboratori artistico-manuali, come quelli grafico-pittorico, tattile, musicale e altri.
  • Utilizzare metodi di osservazione e valutazione delle attività svolte e dei risultati conseguiti.
  • Supportare e sorvegliare il bambino durante lo svolgimento delle attività.

Conoscenze

  • Elementi di pedagogia generale e sociale.

  • Tecniche di igiene e sicurezza negli ambienti di vita.

  • Tecniche di accoglienza del bambino.

  • Tecniche di osservazione e valutazione dei risultati di attività/progetti eseguiti.

  • Elementi di metodologia del gioco e dell’animazione

  • Caratteristiche e impiego dei materiali pedagogico-educativi e di gioco.

Unità di competenza n. 3: Promuovere il senso di appartenenza ad una comunità di soggetti (famiglia, scuola, centri ricreativi ed aggregativi, ...)

Abilità

  • Favorire processi di partecipazione attiva e promuovere percorsi di autonomia individuale e di costruzione del sé.
  • Fornire supporto informativo alla famiglia, come ad esempio supporto all’inserimento e informazioni sulle attività svolte dal bambino, …)
  • Identificare e prevenire i comportamenti a rischio del bambino.
  • Applicare strategie e metodi orientati a modificare meccanismi e situazioni che favoriscono il disagio.
  • Promuovere l’acquisizione del senso di appartenenza ad una comunità di soggetti per proteggere dal disagio e per prevenirlo.
  • Promuovere attività ed occasioni di aggregazione con famiglie, gruppi informali, gruppi di interesse ed associazioni.
  •  

Conoscenze

  • Tecniche di conduzione dei gruppi.
  • Tecniche per la gestione dei conflitti.
  • Elementi di psicologia e di psicologia dell’età evolutiva.
  • Metodologie del lavoro di rete.
  • Sistema dei servizi per l’infanzia.
  • Tecniche di progettazione partecipata.
  • Elementi di diritto civile e penale della famiglia e dei minori.

Unità di competenza n. 4: Stimolare l'esploratività e lo sviluppo della capacità motoria dei bambini

Abilità

  • Applicare tecniche di comunicazione affettivo/emozionale.

  • Applicare tecniche di animazione per bambini finalizzate a stimolare l’esploratività.

  • Utilizzare strumenti informatici e multimediali per favorire l’apprendimento delle nuove tecnologie.

  • Organizzare attività di gioco e animazione per bambini finalizzate a sviluppare capacità motorie, di coordinazione e di espressività corporea.

  • Predisporre i materiali per le attività di gioco ed animazione volte a stimolare l’esploratività e lo sviluppo delle capacità motorie.

  • Applicare tecniche di conduzione di gruppi di bambini, promuovendo l’auto-mutuo-aiuto.

Conoscenze

  • Elementi di psicologia e di psicologia dell’età evolutiva.

  • Elementi di pedagogia generale e sociale.

  • Tecniche della comunicazione multimediale.

  • Elementi di metodologia del gioco e dell’animazione.

  • Dinamiche di gruppo.

  • Caratteristiche e impiego dei materiali pedagogico-educativi e di gioco.

  • Tecniche di comunicazione affettivo/emozionale.

Torna in alto